La nostra visione dell’essere umano nasce, da radici umanistiche: un essere unico, intero che vive più dimensioni dentro di Sé, che compongono una visione globale, “olistica”: Corpo – Mente – Relazione. Un essere umano, quindi, fatto di Corpo, non riferito al corpo prestazionale, che deve ben funzionare per non ammalarsi e che deve essere gradevole, ma che sente energia, sensazioni, emozioni, sentimenti. E vive anche esperienze di contatto; ovvero il bisogno umano di toccare e di essere toccato.

Un Corpo che cerca esperienze piacevoli e di nutrimento  sensoriale, emozionale, relazionale e di contatto; che vive il piacere di caricarsi e di scaricarsi: è un evento psicofisiologico naturale.

Una Mente che è ricca di straordinarie capacità: di pensare, riflettere, memorizzare, valutare, credere, pianificare, progettare, immaginare, fantasticare, sognare, e quanto altro.

E  la spiritualità: una dimensione assolutamente personale, che rende gli individui capaci di entrare in un profondo contatto con sé stessi; che permette loro di trascendere, di andare oltre e di sentirsi parte di una esperienza più grande di sé.

L’organismo/persona  vive queste dimensioni tutte, in qualunque momento della vita, semplice o importante che sia. Sempre. L’organismo/persona vive in ogni esperienza tutto insieme, perché il corpo e la mente, pur avendo linguaggi, bisogni, ritmi e tempi diversi, sono sempre in relazione tra loro; sono due dimensioni interdipendenti che coabitano al suo interno.Tutto quello di cui ha facoltà la mente è in relazione con il corpo. I pensieri, i sogni sono in relazione con il corpo. Quindi le emozioni, i muscoli, gli organi: tutto.

Mente e Corpo.

Un unico organismo permeabile e vivo capace di rispondere in modo intelligente e sensibile anche nella malattia che è la sua risposta vitale, perché anche in essa segnala e comunica creando un’opportunità per ritrovare salute.

drozhanie_libo_drebezzhanie_tela